IMG_0483Fare business online è una cosa seria e in quanto tale necessita di particolari strategie.

la più importante delle cose che si devono considerare è che per rendere efficace e fare monetizzare la tua attività, la tua presenza online deve essere costante.

È indispensabile, vista la complessità del mezzo che qualcuno – che sappia cosa fare- ti dia dei suggerimenti e lavori al tuo fianco per organizzare un piano che sia “il giusto piano di business, per il tuo di business” e  che questo piano venga attuato (e modificato quando necessita).

Tutto questo con lo scopo di raggiungere l’agognato obiettivo:

Fare soldi, più soldi, attraverso la rete.

Ma per fare soldi si devono rispettare alcune condizioni di base

il contenuto è tutto e, spesso, non è tutto uguale, grazie a Dio.

Creare contenuto con in mente il target di riferimento è fondamentale e farlo in maniera costante, organizzata, strategica è il modo migliore per raggiungere gli obiettivi.

Dunque:  per chi sto scrivendo questo articolo?

Lo scrivo per gli imprenditori che in maniera “proactive”  stanno cercando di capire  qualcosa in più per fare crescere il loro business on line.

Piccoli e Medi imprenditori, proprietari di Local Business è a voi che questo post si rivolge.

Cerca di rispondere ad alcune di quelle domande che tutti gli imprenditori dovrebbero porsi, che sono:

  • Come mai quando sono in giro e mi guardo attorno sempre più spesso vedo gruppi di persone che -anche se in comitiva- usano, mentre fanno altro magari, i loro smartphone?
  • È un caso o questo succede dappertutto ?
  • e che fanno tutte queste persone con i loro smartphone in mano?
  • chi sa quanti saranno gli italiani connessi (!?)
  • e poi tra di loro ci sono anche miei prospect (possibili clienti)?
  • potrei accrescere i mie clienti presenziando il canale/i?
  • ma allora perché quando ho fatto fare il sito internet, non è cambiato nulla?
  • Ma il mio sito si vede su smartphone? E come si vede?
  • e se non ci fossi, io (come impresa) su internet che svantaggi avrei?
  • forse il mio sito è vecchio o semplicemente dovrei provare a promuovere la mia azienda anche sui social network e comunque in altri modi?

NB: l’immagine sotto mostra meglio di molte parole come si evolve l’uso e la frequentazione di internet da parte del consumatore medio americano che, fin quando non sarà superato da quello cinese, resta ancora il modello al quale riferirsi per progettare strategie per gli anni a venire, dagli uno sguardo è di facilissima comprensione, no?

Potremmo continuare ma credo di avere reso l’idea. Bene, allora, andiamo con ordine.

Essere on line e sviluppare un business on line, compresa strategia di comunicazione è un lavoro serio, ha bisogno di costanza, dedizione,  impegno, professionalità e, risorse.

Per questo avere un sito non è come avere il genio della bottiglia che, strofinato, esce risolve i tuoi desideri e torna nella bottiglia.

Non basta avere fatto il sito per decretare il successo o l’insuccesso di una attività, voi non avete portato avanti i vostri affari solo perché avevate trovato dei buoni fornitori.

E’ importante trovarli i buoni fornitori, ma se il processo non continua, creando prodotti e cercando partner commerciali all’altezza, trovando le migliori materie prime e migliorando il packaging, proponendosi in altri paesi ecc…

Il buon fornitore non  è sufficiente. è indispensabile ma non sufficiente.

Cosi è con la rete, esserci è necessario, ma non sufficiente.

E’ un buon punto di partenza avere fatto il sito, ma poi -per continuare con le domande che l’imprenditore dovrebbe porsi- la prossime domande dovrebbero essere:

Cosa ci faccio, io, con questo sito?

  • lo promuovo?
  • lo aggiorno spesso?
  • lo uso per vendere i miei prodotti e/o per attirare nuovi clienti a visitare i miei punti vendita?

google-analytics-dashboards

E ancora:

  • I visitatori sono tanti ?
  • Da dove provengono?
  • Quanto tempo rimangono all’interno del sito ?
  • Perché vanno via così velocemente ?
  • Da dove arrivano questi visitatori, hanno scritto l’indirizzo del sito nel browser o mi hanno trovato su google, su bing, su Yhaoo!?
  • E con quali parole chiave?
  • Forse sono arrivati da un link che qualcuno ha inserito su Facebook? Twitter, Instagram, Printerest, LinkedIn ecc…

debbe-model_explorer_final

Tranquilli, è voluta la sensazione di confusione che vi sta -solo per un’attimo- prendendo la testa! Serve a farvi capire solo per un’attimo la complessità della cosa, e qui siamo ancora a livello superficiale, ve lo garantisco.

Dunque, a questo punto, l’imprenditore dovrebbe chiedersi:

Faccio tutto questo? non personalmente, certo, ma la mia azienda si interessa a queste informazioni, le utilizza per migliorare la bilancia degli investimenti nei diversi canali di promozione, le performance, le usa per vendere e migliorare i margini?

Se non lo fa, ecco spiegato perché non basta avere solo il sito internet o la pagina Facebook.

Se invece lo fa dovrebbe chiedersi con quale livello di successo in termini numerici

Quanto mi frutta ogni euro che ho investito “per la mia presenza digitale” come faccio a saperlo?

Eccoci arrivati; a questo punto si comincia a entrare con la “giusta filosofia” in un mondo che da soddisfazioni a chi sa come muoversi dentro questo mare e che gli imprenditori accorti, smart, dovrebbero imparare a conoscere ed utilizzare per il loro scopo, quel fine ultimo che la quasi totalità di imprenditori hanno in comune:

Fare soldi sfruttando la rete😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...