Da qualche tempo per questioni di lavoro e di interesse personale seguo le evoluzioni sulla visibilità dei brand su facebook e sempre più spesso ho cercato di riflettere  sul rapporto tra popolarità di facebook e facilità/difficoltà per i brand ad ottenere visibilità e ritorni sia a breve che a lungo termine dati dall’uso dello strumento.

Non ci vuole un genio per fare queste considerazioni ma tengo comunque a precisarle:

  • Più il mezzo cresce meno è facile essere visibili (e questo non solo per una ragione logica data dal fatto che aumentando gli account diminuiscono proporzionalmente le opportunità per i brand di essere visti da parte degli utenti) ma anche perché per esempio:
  • Più la struttura si sviluppa più l’interesse alla partecipazione a gruppi e fanpage diminuisce
    • le fan page e i gruppi non sono più una novità
    • l’utente medio e subissato da richieste di adesione a gruppi e fp e spesso non riesce a seguirle tutte ecc..
    • e, last but not least, perché essendo molti i gruppi o le fan page che sono nati non per interesse commerciale ma per “gioco” (inteso naturalmente senza alcuna accezione negativa solo per differenziare) questi “tolgono” spazio a tutti i gruppi e le pagine sviluppati da brand diversi per aprire discussioni con i clienti per attrarre nuovi prospect per mostrarsi attenti al marketing sul web ed innovatori ecc..

Techcrunch pubblica una ricerca che riguarda proprio questo argomento, sviluppata da Sysomos, e che  ha analizzato un numero importante di fan page su facebook per capire la differenza tra diversi tipi e per considerare la facilità con cui queste possono diventare degli strumenti “importanti” numericamente parlando.

Il risultato è che su un campione di 660,000 fan page analizzate, la maggior parte di queste  hanno numeri relativamente piccoli di sostenitori e la ricerca analizza anche i diversi tipi di prodotti che queste offrono dandoci anche dei dati utili a capire la popolarità di settori o servizi rispetto ad altri e la maggiore o minore facilità a creare fan page efficaci e numericamente “grandi”.

Come si può vedere dall’ immagine ci sono alcune categorie che riscono più facilmente a raggiungere l’obbiettivo, e queste sono:

Ristoranti, servizi, negozi, luoghi, musica, star e no profit arrivano tutti al 7% circa del totale dei profili pubblici. Seguono bar (6,9%), film (4%) e sport (4%) e ancora dietro giochi shows tv ecc..

E’ da sottolienare a mio parere anche la differente impostazione nelle strategie adottata da brand diversi alcuni, come i più piccoli, più interessati e facilitati proprio grazie a numeri non troppo eccessivi a coltivare le relazioni con il proprio pubblico e quindi pronti a utilizzare i social media con più continuità, altri -i più grandi- impattando con la moda momentanea ma non tutti in grado di gestire una proficua relazione  con i clienti, i prospect ed in generale a generare visibilità utile al marchio nel  medio e  lungo termine.

Una cosa è certa più il mezzo sarà cresciuto e più diventerà difficile con questo strumento ottenere quello che si è ottenuto con le stessse risorse un anno fa e, questo, come abbiamo detto sopra è chiaro a tutti, quindi l’unico consiglio che  mi sento di dare alle aziende  è:

Rischiate, monitorate e conoscete bene i prodotti all’inizio del loro ciclo, solitamente i costi sono mlto ridotti all’inizio e l’efficacia è quasi assicurata (naturalmente in proporziopne ai piccoli numeri degli utilizzatori/innovatori) quando questi avranno superato una massa critica e voi saprete usarli, ne conscerete preggi e difetti, in un baleno saranno incredibilmete efficaci (portanno essere anche passati anni dalla creazione dell’account e in certi casi questi non raggiungeranno mai la massa critica ), ma a mio parere non c’è niente da fare.

Innovare in tempo o correre dietro alle innovazioni nelle quali la difficoltà nella massimizzazione degli utili sarà esponenzialmente più difficile e l’impatto con gli utenti ed i prospect sempre meno facile.

Il richio in certi casi non è qualcosa che si può evitare, si deve ben ponderare!

Via CdMs

Free World Condividi

One thought on “Fan page su Facebook quanto è facile avere tanti fan?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...