I blog da antimedia a media mainstream

web duepuntozero

Più volte -in questo luogo- ho parlato del marketing fatto sui social media come uno strumento diverso, rispetto anche al marketing fatto sul web.

I social media hanno infatti cambiato il modo di fruire dei contenuti e hanno portato i brand, le marche e in una parola le aziende a dovere  presenziare quegli spazi e a creare rapporti trasparenti tra persone (i lavoratori delle imprese) e persone (gli utilizzatori dei social stessi)

Molto dura è stata la battaglia per l’informazione inizialmente  monopolizzata dagli editori e via via sempre più libera e un punto di non ritorno  è stato il successo dell’ huffington post

Ora anche il New York Times si è convinto e ha deciso che fosse necessario inserie all’interno della struttura dirigenziale un social media editor:

Da una settimana al giornale hanno nominato un “Social Media Editor”, si chiama Jennifer Preston. Si occuperà di “disseminare” le notizie del giornale, liofilizzate in micro messaggi, attraverso twitter, Facebook, MySpace e ovviamente attraverso i blog. E come si fa a viaggiare nel mare del social web?

…. Ci sono organizzazioni intere che si dedicano all’analisi delle parole dei blog, di Twitter e Facebook. Un’industria allo stato nascente. L’ultima ricerca italiana in ordine di tempo, quella di “Liquida”, prende in esame 1 milione di post in 15mila blog e presto sarà settimanale. Non si limita alla statistica – hanno scritto 21mila volte “Berlusconi” – ma studia il contesto e il significato valoriale di quelle parole. Se a favore o contro Berlusconi. Per farlo si applicano tecniche avanzatissime, come quella del web semantico: linguistica e statistica, matematica e web, applicate al principio che l’informazione è un tesoro solo se sai portarlo alla luce

Chi ha orecchie per intendere intenda, nell’era dei social media le imprese dovranno esserci e sapere utilizzare tutti questi mezzi.

Chi non ci sarà necessariamente perderà in valore del brand ma anche e soprattutto in competitività

stay tuned

One thought on “I blog da antimedia a media mainstream

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...