Sciacalli che non lo erano

Quanto contano i palinsesti tv e la possibilità di gestione dei principali mezzi di informazione nella costruzione dell’immagine del governo? è cosi che avrei voluto chiamare il post, ma visto che c’era poco da aggiungere a quello che ha scritto repubblica e che io ho conosciuto tramite wittgenstein, ho deciso di lasciare al post il nome che aveva scelto luca sofri con l’aggiunta di queste due righe

Ieri erano stati additati da tutti i tg, dalle trasmissioni in tv e radio come l’esempio della cattiveria (e che fossero pure rumeni era servito all’immagine complessiva) in opposizione alla bontà del governo, del presidente del consiglio e di tutta la protezione civile, e mostrati come esempio negativo.

Subito processati in un’aula allestita al momento …… e poi? poi non se ne è sentito parlare nei giornali [a parte repubblica] ne, tantomeno, nelle tv e nelle radio.

L’AQUILA – Li avevano presi ieri mattina con l’accusa più infamante, quella di aver tentato di rubare nella casa di un anziano di Onna, il paese sventrato dal terremoto. Quattro romeni, tra cui la badante dell´anziano sfollato a San Felice d’Ocre, sono stati processati per direttissima e subito rimessi in libertà perché il fatto non sussiste: non c’è stato alcuno sciacallaggio, si erano solo ripresi le loro cose e non avevano neppure toccato i centomila euro che l’uomo conservava sotto una mattonella.
I quattro erano stati arrestati per la segnalazione di un volontario della protezione civile che aveva deciso di tenerli d’occhio quando la donna aveva chiesto le chiavi di casa dell’anziano per poter riprendere le sue cose con l’intenzione di lasciare l´Italia. Il volontario l´ha seguita, e quando ha visto che entrava in casa dell´anziano accompagnata dai tre connazionali ha chiamato i carabinieri, sospettando che stesse approfittando dell’assenza del padrone. Processati per direttissima nell´aula giudiziaria allestita nella scuola della Guardia di finanza, sono stati liberati con tante scuse e con la restituzione immediata dei gioielli che gli avevano sequestrato: erano i loro.

Ho tratto la notizia dal blog di Luca Sofri

Mondo LiberoCondividi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...