Politica 2.0

La politica 2.0 è la politica della partecipazione.

I want you in my facebook
I want you in my facebook

Se infatti la differenza tra web classico e web 2.0 sta principalmente nella differente posizione dominante di emittente e destinatario –che  diventano paritetici rispetto al modello uno a molti del web classico–  nella politica questo si ripercuote nella possibilità di utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per attrarre possibili elettori,  ascoltarli e per dare a loro stessi la possibilità di coinvolgere i loro amici in un’ esperienza -quella della partecipazione-  che, se convintamente seguita, può essere moto istruttiva per chi non è mai stato abituato a partecipare veramente.

La politica 2.0 infatti ha bisogno di connettori che–   incidendo  sul numero di persone che vengono a contatto con determinate informazioni-  se non considerati come dovuto possono diventare un’arma a doppio taglio.

Il percorso di Barack Obama sarà sicuramente considerato come un esempio da seguire, lo dico io stesso da qualche giorno, ma attenzione ai politici italiani, la rete non si sfrutta ma si usa,  e non condividere le cose che questa offre -scegliendo solo ciò che siete convinti possa essere utile per voi, non comprendendo le reali opportunità ma anche le modalità di utilizzo di questo strumento-  può essere un’arma difficile da maneggiare per chi non la conosce.

Mondo LiberoCondividi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...