Partecipazione politica e internet 2.0

La partecipazione politica è un problema  in Italia, oggi.

Si discute sul fatto di togliere le preferenze per le europee perché -si dice- si devono scegliere professionisti esperti che possano migliorare effettivamente -attraverso il lavoro di lobbing dall’interno delle istituzioni- la vita degli italiani .

Sarà, ma se non si comprenderà che si devono fare dei cambiamenti veri, non si otterrà nulla.

La genialità della campagna vinta da Obama negli USA stà nel aver  fatto percepire agli americani, che avrebbero potuto cambiare  -veramente- il loro futuro.

We can change,  un video di 40 secondi  -arrivato a tutti coloro che seguivano Obama- dove parte di suoi  discorsi vengono  cantati da giovani americani, il twitter per informare i suoi sostenitori,  i discorsi su youtube, sono solo degli esempi per spiegare come la strategia politica di questo presidente si è principalmente focalizzata sulla promessa di partecipazione,  condivisione,  ascolto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...